Recovery: Picierno (Pd), 'coinvolgere enti locali su risorse e offerta educativa al Sud'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 ott. (Adnkronos) – "La povertà educativa è un problema enorme del nostro Paese, troppo spesso taciuto o sottodimensionato. Una questione che assume proporzioni gigantesche nel Mezzogiorno, dove interi territori sono totalmente sprovvisti di asili nido e scuole dell'infanzia". Così l'europarlamentare del Partito Democratico, Pina Picierno.

"Ciò si riverbera drammaticamente su tantissime famiglie, innescando una spirale che alimenta la dispersione scolastica e finisce per far impennare la criminalità. I soldi attivati dal Recovery rappresentano davvero l'ultima chiamata per avviare riforme che riportino l'offerta educativa a livelli perlomeno dignitosi. La road map tracciata oggi dal Ministro Patrizio Bianchi procede nella giusta direzione e il fatto che quella sulla scuola sia la prima cabina di regia sul Pnrr convocata è un eccellente segnale da parte del premier Draghi. La presenza dei fondi europei non rappresenta la soluzione del problema, ma una chiave da utilizzare nel modo giusto".

"Occorrono progetti incisivi e un adeguato coinvolgimento degli enti locali per assicurare in Italia una presenza di offerta, nella fascia 0-6, pari agli altri Paesi europei. I 4,6 miliardi per asili nido e scuole dell'infanzia sono il carburante che può e deve consentire, tramite un rafforzamento dell'offerta educativa, di conquistare l'eguaglianza di genere e di garantire competitività a tante aree marginalizzate nel Mezzogiorno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli