Recovery Plan, Dombrovskis: progressi, ma molto lvaoro da fare

·1 minuto per la lettura
Recovery Plan, Dombrovskis: progressi, ma molto lvaoro da fare
Recovery Plan, Dombrovskis: progressi, ma molto lvaoro da fare

Milano, 9 feb. (askanews) – Sono stati fatti progressi, ma c’è ancora molto lavoro da fare. Il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, è intervenuto oggi a Bruxelles sul Regolamento della “Recovery and Resilience Facility” (Rrf), lo strumento principale del “Next Generation EU”.

Il Regolamento Rrf, che sarà sottoposto oggi al voto di approvazione del Parlamento europeo, dovrebbe poi essere “firmato dal Consiglio Ue questo venerdì, e “se tutto andrà bene dovrebbe entrare in vigore il 18 febbraio”, ha indicato Dombrovskis.

Poi “potremo guardare avanti alle tappe rimanenti prima della notifica formale dei Pnrr alla Commissione. Sarà richiesto un grosso sforzo – ha osservato Dombrovskis – per fare in modo che i piani nazionali siano pronti per la presentazione formale, ma anche per valutarli e approvarli rapidamente”.

Ad oggi, ha riferito Dombrovskis, 18 Stati membri su 27 hanno fatto “progressi sostanziali”, e la Commissione europea ha per questi paesi “una visione relativamente chiara di ciò che intendono mettere dentro i Piani nazionali”.

“E’ importante lavorare in stretto contatto con le autorità locali e regionali, le parti sociali e tutte le parti interessate, in tutte le fasi della preparazione e della attuazione dei piani nazionali”, ha ricordato il vicepresidente esecutivo.

“Un elemento chiave – ha ricordato ancora Dombrovskis – è la ratifica da parte di tutti gli Stati membri della decisione sulle ‘risorse proprie’. Solo successivamente potremmo cominciare a prendere in prestito i fondi sui mercati ed effettuare i primi pagamenti agli Stati membri”.

“In parallelo – ha aggiunto Dombrovskis – dovremo assicurare che tutte le misure siano predisposte per finanziare la ripresa attraverso l’emissione di ‘green bonds’, e la Commissione presenterà una proposta legislativa a questo fine il più presto possibile”.