Recovery, quattro riforme e un cronoprogramma

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·1 minuto per la lettura
(Photo: Antonio Masiello via Getty Images)
(Photo: Antonio Masiello via Getty Images)

Sono quattro le grandi riforme delineate nel Recovery plan che sabato approderà in Consiglio dei ministri per poi essere spedito a Bruxelles entro il 30 aprile. Il governo presieduto da Mario Draghi ne individua due definite “orizzontali” e altre due “abilitanti”, oltre a una serie di altri interventi settoriali, vale a dire “misure consistenti in innovazioni normative relative a specifici ambiti di intervento o attività economiche”.

Le riforme orizzontali riguardano la Pubblica amministrazione e la giustizia, interventi che secondo il Piano di ripresa e resilienza “consistono in innovazioni strutturali dell’ordinamento, idonee a migliorare l’equità, l’efficienza e la competitività e, con esse, il clima economico del Paese”. Quelle abilitanti si concentrano sulla semplificazione e la concorrenza, “interventi funzionali - si legge - a garantire l’attuazione del Piano e in generale a rimuovere gli ostacoli amministrativi, regolatori e procedurali che condizionano le attività economiche e la qualità dei servizi erogati ai cittadini e alle imprese”.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Sono tre gli obiettivi che il governo si prefigge nel mettere mano alla complessa macchina dalla Pa, con l’obiettivo di concludere gran parte del lavoro entro il 2021: “Eliminare i vincoli burocratici, rendere più efficace ed efficiente l’azione amministrativa, e ridurre tempi e costi per cittadini e imprese”. E a tal fine si prevede un decreto già il mese prossimo che conterrà “gli interventi urgenti di semplificazione, non solo a carattere trasversale, ma anche settoriale”. Obiettivi che si svilupperanno lungo quattro assi portanti: “Accesso, per snellire e rendere più efficaci e mirate le procedure di selezione e favorire il ricambio generazionale; buona amministrazione, per semplificare norme e pr...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.