Recovery: sit-in sindaci agrigentini P.Chigi, 'Sicilia tagliata fuori da Pnrr'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 apr. (Adnkronos) – Sono venuti fino a Roma con la loro fascia tricolore, ora sono davanti a Palazzo Chigi sperando "che qualcuno ci riceva e ascolti le nostre istanze". Sono i sindaci di tutta la provincia di Agrigento, ma parlano a nome dell'intera Sicilia, "5 milioni di abitanti dimenticati dal Recovery plan", denunciano in coro. A raggiungerli la deputata di Fi Stefania Prestigiacomo. "Hanno ragione – dice – avevamo aspettative altissime sul Pnrr, ma poi sentiamo dire che l'Alta velocità si ferma a Reggio Calabria, dunque la Sicilia è tagliata fuori. Ho grandissimo rispetto e stima per il presidente Draghi, penso debba essere garante dell'unità del Paese, se l'alta velocità deve coprire anche il Sud, bè la Sicilia non può restarne fuori".

"Anche il ponte sullo stretto… – prosegue l'esponente azzurra- sentire il premier intervenire in Parlamento e scoprire che si dovrà attendere la relazione di un ministro su questa infrastruttura lascia davvero l'amaro in bocca, è una sconfitta. Lo hanno definito il piano Marshall del Mezzogiorno e tagliamo fuori la Sicilia? Mi sembra davvero inaccettabile, tanto più che si tratta di una Regione che conta ben 5 milioni di abitanti".

"Noi siamo più al sud del sud, ma siamo tagliati fuori da tutto – accusa Maria Grazia Brandara, sindaco di Naro – ad Agrigento non abbiamo un solo km di autostrada, l'alta velocità possiamo dimenticarcela e di noi, nel Pnrr, non c'è traccia. Come possiamo colmare il divario tra nord e sud se dimentichiamo la Sicilia? Date al sud quel che è del sud, soltanto questo chiediamo".