Redditi dei politici: Conte dichiara 1 milione di euro, Salvini 70mila

redditi-politici

Come ogni anno sono state rese note le dichiarazioni patrimoniali dei politici italiani, i cui redditi imponibili sono stati pubblicati dal sito del Senato della Repubblica. Tra i Paperoni del nostro Parlamento figura anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che relativamente al periodo d’imposta 2018 ha dichiarato oltre un milione di euro di reddito. Tuttavia il Premier non risulta essere il più ricco tra i politici, anche se sono numerosi i membri del governo che faticano ad arrivare alle sue cifre.

Redditi dei politici, da Conte a Salvini

Pur non essendo il più ricco, Giuseppe Conte risulta essere il politico che ha visto incrementare maggiormente il proprio reddito rispetto all’anno precedente, quando era di soli 370.014 euro. Il patrimonio del Premier di è dunque innalzato di circa 700mila euro arrivando a toccare quota 1.155.229 euro. Secondo alcune fonti di Palazzo Chigi, l’aumento sarebbe dovuto alla chiusura di tutti gli incarichi pendenti al momento in cui Conte e diventato Presidente del Consiglio, fatturando così in un anno cifre che avrebbe dichiarato in più anni.

A grande distanza si posiziona invece il leader della Lega Matteo Salvini, che ha dichiarato la cifra quasi irrisoria di 70.173 euro. L’ex ministro dell’Interno ha guadagnato molto meno rispetto anche al suo successore al Viminale Luciana Lamorgese, che invece ha dichiarato 160.876 euro compresi di cinque fabbricati a Roma, uno a Potenza e uno a Milano.

Gli altri parlamentari

A guidare la classifica dei politici più ricchi d’Italia è però sempre lui, l’ex Premier Silvio Berlusconi, che rimanendo invariato rispetto all’anno precedente ha dichiarato la clamorosa cifra di 48.022.126 euro, un patrimonio che fa impallidire anche quello della seconda classificata, l’ex ministra della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno, con un imponibile di 2.403.772 euro.

Per quanto riguarda il senatore e leader di Italia Viva Matteo Renzi la sua dichiarazione patrimoniale ammonta invece a 796.281 euro, mentre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio risulta grande assente nella classifica non avendo presentato la documentazione necessaria relativa all’ultimo anno. Il membro più “povero” dell’esecutivo risulta infine essere il ministro agli Affari Europei Vincenzo Amendola, che ha dichiarato soltanto 46.779 euro di reddito imponibile.