Reddito di cittadinanza: domani il bando per 3 mila navigator, ma è addio al mega-software del Mississippi

Maria Chiara Furlò

La piattaforma da 100 milioni che incrocia domanda e offerta di lavoro in Mississippi, in Italia non arriverà mai. Quello del software che ha portato il presidente dell'Anpal, Mimmo Parisi, a diventare il demiurgo del mercato del lavoro dello stato americano (dove vivono meno di 3 milioni di persone, la sola Toscana ne conta 800.000 in più) dalle parti nostre resterà solo un mito. Se i 3.000 navigator sono ormai una realtà a tutti gli effetti – oggi si firmerà l'ultima intesa tra Stato e Regioni e già domani sarà pubblicato il bando per la loro selezione –, della parte informatica: "non sappiamo ancora nulla, ed è la cosa che ci preoccupa di più", ha detto all'HuffPost la coordinatrice degli assessori regionali al Lavoro Cristina Grieco.

In sostanza, non si sa nulla perché non c'è niente di completamente nuovo da aspettarsi. E quindi, come faranno i centri per l'impiego a far incontrare imprese in cerca di dipendenti e beneficiari del reddito di cittadinanza in cerca di occupazione? Si dovranno arrangiare con i mezzi che ci sono già. Visti però gli scarsissimi risultati ottenuti fino ad ora con le piattaforme esistenti, quello a cui la nuova dirigenza Anpal sta lavorando è la loro implementazione.

L'Agenzia per le politiche attive del lavoro già oggi dispone, infatti, di una piattaforma in cui convergono tutta una serie di dati dei singoli centri per l'impiego e dell'Inps, ma si sta lavorando perché tutte le banche dati diventino meno statiche e più efficienti e interconnesse. Ad esempio, proprio le Regioni dovranno mostrarsi più disponibili alla condivisione dei loro dati, visto che servirà sicuramente uno scambio di informazioni maggiore per proporre ai beneficiari offerte di lavoro che oltrepassano i confini regionali.

L'idea del professor Parisi, come scrive Francesco Giubileo nell'ultimo Bollettino Adapt, "è quella di processare i dati attraverso algoritmi realizzati da data scientist, come avviene per l'e-commerce di Amazon, in...

Continua a leggere su HuffPost