Reddito di cittadinanza, governo proroga navigator

reddito cittadinanza
reddito cittadinanza

In vista dell’arrivo del nuovo Reddito di cittadinanza, il governo ha prorogato i contratti dei 1883 navigator in scadenza al 1 maggio.

Proroga di 4 mesi per i navigator

Proroga complessiva di 4 mesi per i contratti dei 1883 navigator la cui scadenza è prevista per il prossimo 1 maggio. Per l’esattezza, si tratta di ricontrattalizzuazione. Infatti, Anpal allungherà la permanenza al lavoro di 2 mesi, più altri 2 per dare la possibilità al governo di discutere come utilizzare questi professionisti

I primi due mesi saranno di proroga per tutti, mentre gli altri due mesi dovrebbero servire ad accompagnare i lavoratori nei percorsi concorsuali di quelle Regioni che non li avessero ancora attivati, relativamente ai Centri per l’impiego.

Questo è quanto emerso dall’ultimo incontro tra il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, con Cgil, Cisl e Uil. Un nuovo tavolo è atteso per la prossima settimana.

Il commento dei sindacati

Una prima vittoria per le unioni sindacali, come confermato dalle parole del leader Uil, Pierpaolo Bombardieri, che ha seguito in prima persona tutto l’iter della vertenza:

«È un primo risultato positivo. Il ministro Orlando si è assunto l’impegno a ricontrattualizzare con Anpal Servizi questi lavoratori con una proroga di due mesi più due mesi, per avere la possibilità in questi giorni di discutere come utilizzare questi professionisti rispetto ai tanti impegni delineati anche dal Pnrr».

Soddisfatta anche la Cgil, per cui si è fatta portavoce la segretaria confederale, Tania Scacchetti:

«Si tratta di una prima risposta importante che però deve essere finalizzata a dare continuità alla loro attività e a rispondere al tema delle politiche attive. È una risposta parziale ma che può profilare una possibile svolta».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli