Reddito di cittadinanza, Salvini: "Un errore"

·1 minuto per la lettura

''Ho riconosciuto di aver fatto un errore sul reddito di cittadinanza, è stato un fallimento...''. Lo ha detto Matteo Salvini, ospite del Tg2 post. "La nostra linea è quantomeno modificare il reddito di cittadinanza. Aiutare chi è in difficoltà sì, ma è uno strumento che ha creato lavoro nero e disoccupazione. A mia prima firma proporrò di spostare gran parte di questi 8 miliardi'', destinati al reddito di cittadinanza ''a chi crea lavoro. Usiamo questi soldi per gli italiani che ne hanno veramente bisogno e non per i furbetti...''.

''Noi vogliamo abbassare le tasse a partire dall'Irap. La proposta della Lega sulla flat tax è quella che funziona in mezzo mondo, ma Pd e 5s la vedono in maniera diversa. La Lega è entrata nel governo anche per vigilare si questo", ovvero che non ci sia nessuna nuova tassa e si punti ad abbassare quelle che ci sono. ''Questo è l'accordo con Draghi''.

''Io mi fido degli italiani, che liberamente e volontariamente in più del 70% dei casi ha scelto di vaccinarsi. Fidiamoci degli italiani che si informano, che scelgono. Ci sono persone che per scelta non si sono vaccinate, ma noi siamo tra i paesi più vaccinati d'Europa e del mondo. L'obbligo vaccinale esiste in Arabia Saudita, in Turkmenistan e Tagikistan, ma di che cosa stiamo parlando? Il nostro modello di sviluppo sono le repubbliche islamiche? No, quindi, fidiamoci degli italiani''.

"Chiederò" al governo "che non si metta la fiducia sul green pass" aggiunge Salvini. "Il Parlamento conta, se ha un peso allora non metti la fiducia, visto che ci sono solo 50 emendamenti, di cui 5 della Lega". "Chiederò a Draghi quali sono le sue intenzioni", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli