Referendum Cannabis, promotori: raggiunta quota 500.000 firme

·1 minuto per la lettura
featured 1514966
featured 1514966

Roma, 18 set. (askanews) – A una settimana esatta dal lancio, la raccolta firme per il Referendum Cannabis raggiunge quota 500.000, la cifra minima che permetterà al quesito di andare al voto nella primavera del 2022. Lo rendono noto i promotori, che parlano di “un risultato straordinario ma non sorprendente: da tempo occorreva un intervento sul tema della cannabis e con la firma digitale in pochi giorni il tema è esploso”. Questo referendum è infatti la prima raccolta firme italiana tenutasi interamente online sul sito referendumcannabis.it.

I promotori però invitano a continuare a firmare: “Adesso però occorre raccogliere un ulteriore 15% in più di firme per essere certi di poter consegnare il referendum in Cassazione il 30 settembre”.

Il Referendum Cannabis è promosso dalle Associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Società della Ragione, Antigone e dai partiti +Europa, Possibile e Radicali italiani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli