"Referendum con Salvini perché di lui ci si può fidare"

·Ufficio centrale HuffPost
·2 minuto per la lettura
Maurizio Turco e Matteo Salvini (Photo: Flicr/Ansa)
Maurizio Turco e Matteo Salvini (Photo: Flicr/Ansa)

(di Maurizio Turco, segretario del Partito Radicale)

È dal congresso del novembre 2019 che avevamo posto l’accento sulla necessità e l’urgenza di mettere al centro dell’iniziativa del Partito la questione giustizia rilevando come, ancora una volta, il Parlamento non avrebbe voluto, saputo affrontarla. Nel frattempo era emersa una nuova emergenza: il taglio del numero dei parlamentari, che ci ha visto impegnati fino alla fine del settembre del 2020. Ad ottobre scoppia il caso Palamara che svela con ancor più dovizia di particolari la degenerazione della giustizia. A quel punto diventa impellente escogitare come convocare i referendum.

Il 1° febbraio Irene Testa, la tesoriera del partito, riesce a procurarsi il numero di Matteo Salvini e gli chiede un incontro. Lo vediamo il giorno dopo. Ci sediamo e ci dice ‘ditemi’, gli rispondiamo ‘ordine del giorno: referendum giustizia’, ci risponde immediatamente ‘d’accordissimo’.

A chi ancora oggi dice che abbiamo lavorato in segreto, vorrei ricordare che da diverse domeniche, da Radio Radicale, dove la domenica ho una conversazione fissa con Enrico Salvatori, annuncio che c’è una interlocuzione con Salvini e la Lega finalizzata alla convocazione dei referendum. Non solo, il 20 e 21 marzo si tiene una assemblea degli iscritti al partito trasmessa in diretta da Radio Radicale e l’unico che coglie la notizia è Silvio Buzzanca che pubblica un articolo sul sito di Repubblica “Giustizia, Partito Radicale e Lega studiano una campagna referendaria.“

E finisce lì, come tutte le notizie, le attività, le comunicazioni che riguardano il Partito Radicale dal 2016 sono censurate. Solo quando Matteo Salvini dà la notizia ci si accorge che il Partito Radicale, che pensavano di aver sepolto per sempre… è ancora vivo.

Appena preso atto che ci sarà una campagna referendaria sui temi ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli