Referendum elettorale, Lega: no lezioni democrazia da M5s

Mda

Milano, 4 nov. (askanews) - "Il Consigliere Fumagalli, prima di parlare, dovrebbe informarsi su come stanno le cose, così facendo eviterebbe figure discutibili." Così Roberto Anelli, Capogruppo della Lega in Regione Lombardia, ha replicato alla nota diffusa dal Consigliere regionale Fumagalli (M5S) sulla seduta del Consiglio regionale di domani, che vede all'Ordine del giorno la richiesta di referendum per la modifica della Legge elettorale.

"La Cassazione - ha proseguito Anelli - ha accolto il testo approvato nelle settimane scorse dal Pirellone, e da altri 7 consigli regionali, senza osservazioni. Le modifiche che saranno approvate domani rispondono soltanto ad una richiesta relativa ad un'integrazione nella forma, per fare in modo che siano esplicitati non soltanto le abrogazioni ma anche i commi degli articoli che si andrebbero a modificare. Posta questa premessa - ha aggiunto - riteniamo che Fumagalli, prima di criticare l'operato del Senatore Calderoli, di strada ne debba fare ancora parecchia".

"Comprendiamo l'affanno del Movimento 5 Stelle, visti i risultati deprimenti in tutte le ultime consultazioni elettorali, ma di certo - ha concluso Anelli - non accettiamo lezioni di democrazia da chi si affida alla piattaforma Rousseau".