Referendum: Fratoianni, 'valanga firme mentre politica non vuole ascoltare'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 set. (Adnkronos) – “Sono giorni in cui si torna a parlare di referendum, due su tutti quello su cannabis ed eutanasia, che hanno visto una valanga di sottoscrizioni . La politica non riesce e talvolta non vuole ascoltare. Questo è un Paese in cui da molto tempo su molte questioni si registra una frattura profondissima tra la società e l'ipocrisia di una parte larga della politica". Lo dice il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni in un’intervista a Fanpage.

“Noi facciamo parte del comitato promotore per entrambi i referendum – fine vita e cannabis legale – prosegue il leader di SI perché sono battaglie e temi di cui ci occupiamo da decenni. Aggiungo solo che questa capacità di mobilitazione popolare è fondamentale rispetto ad un quadro politico che discute dentro il suo spazio e di sé stesso, negando quello che si muove nella società. La storia di questo Paese è fatta di grandi riforme e quelle grandi riforme sono state il frutto di grandi movimenti, partecipazione e mobilitazione, e poi si sono tradotte in scelte politiche o passaggi referendari".

“La politica funziona solo quando è in grado di produrre una comunicazione vera e concreta – conclude Fratoianni – tra il governo, il Palazzo e la società".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli