Referendum: pronta macchina organizzativa Milano, spesa di 3,5 mln

Referendum: pronta macchina organizzativa Milano, spesa di 3,5 mln

Milano, 7 feb. (Adnkronos) – A Milano è pronta a partire la macchina organizzativa per il referendum popolare confermativo della legge costituzionale del prossimo 29 marzo e il Comune stima una spesa complessiva di 3,5 milioni di euro per allestire i seggi e pagare scrutatori e straordinari del personale.

I seggi saranno 1.248, a cui si aggiungono 66 seggi speciali in ospedali, case di riposo e carceri. La giunta guidata dal sindaco Giuseppe Sala ha approvato le linee di indirizzo per la consultazione sulla riduzione del numero dei parlamentari: della somma di 3,5 mln, 700mila saranno a carico del Comune di Milano, il resto dovrà essere rimborsato dallo Stato.

Circa 700mila euro serviranno a coprire gli emolumenti dei 1.248 presidenti di seggio, dei 1.248 segretari e dei 3.771 scrutatori. Per i presidenti è previsto un compenso di 130 euro (79 euro per i presidenti di seggi speciali), 104 euro per segretari e scrutatori (53 euro per scrutatori di seggi speciali).