Regeni, Fico: bene risoluzione Ue, lavoro costante per verità

Pol-Afe

Roma, 24 ott. (askanews) - "Questa notizia che arriva da Strasburgo è davvero importante. Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione con cui si condannano fermamente le continue restrizioni dei diritti umani in Egitto, sottolineando che si tratta di una situazione che impone di rivedere le relazioni con il Paese. E ha ribadito la necessità che si faccia luce definitivamente sulla morte di Giulio Regeni". Lo scrive su Facebook il presidente della Camera Roberto Fico.

"Non è la prima volta - ricorda - che l'Europarlamento si occupa del caso del sequestro, della tortura e dell'uccisione del ricercatore italiano. La risoluzione di oggi si aggiunge infatti a quella approvata lo scorso dicembre, ma oggi con ancora più forza denuncia la mancanza di un'indagine credibile sulla vicenda e di un'assunzione di responsabilità da parte delle autorità egiziane. Giulio Regeni non era solo un ricercatore italiano, era un ricercatore europeo. In passato ho ribadito in varie sedi la necessità che anche l'Europa si facesse portavoce della richiesta di verità e che ci fosse una solidarietà forte da parte degli altri Paesi. Perché la verità per Giulio è la porta per la verità di tanti altri, è verità collettiva".

"La risoluzione approvata oggi - sottolinea - contiene una serie di misure specifiche che i singoli Paesi potrebbero assumere nei confronti dell'Egitto. Non solo: richiama la decisione che ho assunto nei mesi scorsi di sospendere ogni relazione tra la Camera dei deputati e il Parlamento egiziano fino a quando non si registrerà una svolta concreta nella ricerca della verità. Una decisione che continuo a rivendicare con forza. Tutti i livelli istituzionali, italiani ed europei, sono chiamati a un lavoro costante e coordinato. Per questo sono davvero contento che anche il Parlamento europeo, con l'atto di oggi, stia continuando a tenere costante l'attenzione sul caso di Giulio Regeni. A queste risoluzioni deve essere dato ora seguito".