Regeni, Fico: ragion di Stato non può superare ricerca verità

Bar

Roma, 19 dic. (askanews) - "Le ragioni di Stato non possono superare la tragedia che ha scosso la famiglia di un giovane ricercatore e distrutto la sua vita": lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, parlando del caso Regeni a Radio 1 in Viva voce.

"Prima di tutto - ha sottolineato - eravamo a conoscenza dei depistaggi e voglio fare sempre le congratulazioni per il lavoro della Procura (di Roma, ndr). In quest'anno e mezzo abbiamo fatto alla Camera un lavoro diplomatico, ma ha funzionato poco tant'è che dopo essere stato al Cairo ho chiuso il rapporto diplomatico col Parlamento egiziano".

"Quando andiamo in consessi internazionali - ha sostenuto Fico - non possiamo non faci sentire per valere le ragioni del diritto. Non può esserci ragion di Stato superiore alla ricerca della verità su un giovane ammazzato e torturato al Cairo, come sappiamo".

"Ritirare o no l'ambasciatore - ha aggiunto rispondendo a una domanda su questo tema - è competenza del ministro degli Esteri ma tutte le istituzioni devono lavorare per far iniziare un processo che porti alla condanna dei colpevoli. Lo sta facendo la magistratura, lo stanno facendo il Parlamento e il Governo e anche il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione importante".