Regeni, genitori: "Giustizia per Giulio, Ue ci aiuti con i fatti"

·1 minuto per la lettura

Ottenere "verità e giustizia per Giulio significherebbe anche aiutare il popolo egiziano". Lo sottolinea la madre di Giulio Regeni, Paola, intervenendo stamani in collegamento con la sottocommissione Diritti umani del Parlamento Europeo, a Bruxelles, al fianco del marito, Claudio Regeni. "Con Giulio - continua Paola Regeni - tutto il mondo ha capito" che nell'Egitto di Abdel Fattah al Sisi "anche a uno straniero può succedere di essere preso, torturato e ucciso".

Il padre di Giulio Regeni, Claudio, chiede all'Ue "parole e non azioni. Le singole nazioni procedono in base a interessi particolari" nei confronti dell'Egitto, malgrado la "situazione molto preoccupante per i diritti umani". Ciò nonostante, "si organizzano esposizioni e fiere di armi, sponsorizzate da ditte di nazioni Ue". All'Unione Europea "chiediamo supporto con azioni, oltre che con parole". "La Procura di Roma - conclude Paola Regeni - ha un'autopsia" condotta sul corpo del ricercatore italiano "di più di 260 pagine. E' la testimonianza più grande che possiamo offrire sul non rispetto dei diritti umani" nell'Egitto di al Sisi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli