Regeni, Serracchiani: non diventi uno dei misteri d'Italia

Pol-Afe

Roma, 3 dic. (askanews) - "Far parte di questa commissione è un onore e una responsabilità, uno stimolo a impegnarsi ancora di più in rappresentanza del Parlamento, della famiglia e della nostra gente. La morte di Giulio, le molte ombre che ancora l'avvolgono, rischiano di diventare uno dei troppi misteri d'Italia: noi abbiamo il compito di evitare che il tempo e possibili depistaggi nascondano per sempre il volto di esecutori e mandanti di un assassinio che grida allo scandalo". Lo afferma la deputata del Debora Serracchiani, eletta oggi vicepresidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano trovato morto alla periferia del Cairo il 3 febbraio 2016.