Reggio Calabria, tenta di rapire bimbo al “Maxi Brico”: arrestato

Il bambino si trovava in braccio alla madre, nel parcheggio del Centro Commerciale “Maxi Brico” quando un uomo ha provato a portalo via.
Reggio Calabria, tenta di rapire bimbo al "Maxi Brico"

Un uomo di 47 anni ha tentato di rapire un bambino strappandolo dalle braccia materne. E’ quanto accaduto a Reggio Calabria, nel pomeriggio di ieri, domenica 21 Luglio 2019, nel parcheggio del Centro Commerciale “Maxi Brico”, in viale Calabria.

Stando a quanto riportato dal sito fanpage.it, il bambino e la madre si trovavano nei pressi dell’ingresso del Centro Commerciale quando un uomo di 47 anni affetto da dei disagi psichici, ha tentato di prendere con la forza il piccolo. Fortunatamente, il provvidenziale intervento del padre ha salvato il bambino tornato subito insieme alla madre. Alcuni testimoni presenti hanno invece immediatamente chiamato la Polizia.

Reggio Calabria, tenta di rapire bimbo

Gli agenti di Polizia, tempestivamente intervenuti sul posto, hanno dovuto salvare l’uomo dalla folla che nel frattempo si era fatta minacciosa intorno a lui. Per quanto riguarda le indagini, le forze dell’ordine stanno ascoltando i testimoni: il parcheggio, infatti, non è provvisto di telecamere di videosorveglianza.

LEGGI ANCHE - Genitori ubriachi lasciano il bambino solo alla festa del paese: padre arrestato

L’intensificazione dei servizi di controllo disposti dalla Questura è stato un elemento fondamentale per risolvere la situazione. Antonio Marziale,
garante per l’Infanzia della Regione Calabria, ha voluto complimentarsi di persona con il questore Maurizio Vallone “per il repentino intervento dei suoi uomini. Se alla base del gesto c’è, com’è plausibile, un disagio psichico – dice Marziale – va curato, ma niente può giustificare il reato da considerarsi gravissimo. Pronto anche l’intervento degli astanti, come deve essere. Per fortuna il tutto non è degenerato per l’immediato arrivo dei motociclisti della Polizia che non finirò mai di ringraziare per la dimostrazione di efficacia e sensibilità quando si tratta di bambini”.

LEGGI ANCHE - Ruba in chiesa, la reazione del parroco