Regina Elisabetta, salta la fila e corre verso il feretro: arrestato un uomo

Salta la coda feretro Elisabetta
Salta la coda feretro Elisabetta

Si trovava in fila, in attesa di raggiungere il feretro della Regina Elisabetta per darle l’ultimo saluto quando ha deciso di compiere un gesto che gli è costato l’arresto. 
Attimi concitati a Westminster Hall, dove si trova il feretro di Sua Maestà per gli ultimi saluti da parte della casa reale ma anche di numerosi vip e personaggi del mondo della 
cultura e di decine di migliaia di semplici cittadini che pazientemente si sono messi in coda aspettando in alcuni casi anche 24 ore prima di poterlo raggiungere.

Salta la fila e corre verso la bara di Elisabetta

Secondo quanto riferito dalla polizia metropolitana, per ragioni ancora da accertare, intorno alle 22 locali (le 23 italiane) del 16 settembre un uomo ha tentato di avvicinarsi alla bara dopo aver saltato la fila ed iniziato a correre all’interno della camera ardente. Gli agenti sono intervenuti subito arrestandolo: è stato infatti trattenuto ai sensi della legge sull’ordine pubblico (Public Order Act).

Successivamente Scotland Yard ha diffuso una nota ufficiale per spiegare nel dettaglio quanto accaduto: “Intorno alle 22 di venerdì 16 settembre, gli ufficiali del comando di protezione diplomatica e parlamentare del Met hanno arrestato un uomo a Westminster Hall a seguito di disordini”. L’uomo dunque sarebbe uscito dalla fila di coloro che aspettavano di poter rendere omaggio alla sovrana riuscendo a superare le transenne e avvicinandosi alla bar prima di essere bloccato. 

Fila interminabile per rendere omaggio ad Elisabetta

La notizia, segnalata in primis dalla Bbc citando Scotland Yard, non è stata resa nota subito ma solo il giorno seguente: la polizia intervenuta per fermare l’uomo è quella 
posta a gurdia del parlamento e delle sedi diplomatiche. Per salutare il feretro della Regina ci sarà tempo fino a domenica.

Nella giornata di lunedì 19 settembre sono infatti previsti i funerali. Nonostante le basse temperature raggiunte nel corso della notte, la fila dei britannici disposti ad attendere ore per porgere l’ultimo saluto alla sovrana non si è mai accorciata.