Regionali, F.Boccia, vittoria in ER? La sinistra che fa la sinistra

Rus

Roma, 29 gen. (askanews) - La vittoria di Bonaccini in Emilia Romagna "racconta che la chiave giusta era fare la sinistra. Quando la sinistra fa la destra perde. Racconta che era necessario aprirsi a tutti, dai movimenti civici alle Sardine, parlando della vita della persone e dei servizi garantiti dalla regione e della storia stessa dell'Emilia-Romagna. È stato necessario parlare alle persone e andare in senso opposto a Salvini che ha provato a prendere in ostaggio l'Emilia-Romagna facendola diventare un test nazionale. Proprio perché abbiamo vinto grazie a Stefano, al Pd, e ai movimenti, ora dico di non illuderci, perché l'Emilia-Romagna ha una storia di Resistenza e un governo eccellente, ma l'Italia è complessa e non si può dare niente per scontato". Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, in un'intervista al Corriere di Bologna.

"Sull'autonomia? Siamo pronti a ripartire. Quando mi sono insediato ho trovato un tutti contro tutti: Nord contro Sud, sindaci metropolitani contro presidenti delle Regioni. Ora c'è unanimità tra Nord e Sud, destra e sinistra, sindaci metropolitani e Regioni. Il provvedimento è già pronto, è stato licenziato, è già andato in pre consiglio dei ministri. Mi sono fermato prima di Natale, perché alcune forze della maggioranza volevano fare ulteriori riflessioni. Ma ora siamo pronti a ripartire".