Regionali, Luigi Di Maio: “Tutto il Movimento vuole andare da solo”

di maio a palazzo chigi

Nei giorni scorso all’interno del Movimento 5 stelle Francesco Silvestri aveva avanzato l’ipotesi di un secondo voto sulla piattaforma Rousseau. Infatti, il capogruppo vicario alla Camera avrebbe tentato di lanciare una consultazione per presentarsi alle regionali insieme al Pd. Oltre a Silvestri, anche altri esponenti grillini avevano sostenuto la proposta, che però, è stata scartata dal capo politico. Luigi Di Maio torna a ribadire che nelle elezioni regionali in Calabria non ci sarà “nessun accordo con il Pd”. Inoltre, “tutto il Movimento vuole andare da solo”. Infine, il ministro degli Esteri ha ricordato che “il voto in Emilia Romagna” non deve diventare “un referendum sul governo”.

Regionali, Di Maio: “Nessun accordo”

Luigi Di Maio, ospite ad Agorà su Rai 3 è tornata a parlare delle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria. Il capo politico ha ricordato che non c’è nessun accordo con il Pd in quanto “tutto il Movimento vuole correre da solo”. Inoltre, auspica che “il voto in Emilia non diventi un referendum sul governo”. Infine, conclude: “Siamo aperti a liste civiche, ma senza aspettative illusorie”. Di Maio, infatti, continua a ribadire che il Movimento correrà da solo sia in Calabria sia in Emilia. “L’Emilia Romagna – ha proseguito poi – era stata descritta come la regione del M5s in guerra: io ho trovato tanto affetto e su 60 interventi che ho sentito 59 mi hanno detto che dobbiamo andare da soli. Solo uno ha detto di sostenere il candidato dem Stefano Bonaccini, ma noi non possiamo per statuto”.

Per quanto riguarda invece la Calabria, spunta l’ipotesi di un sostegno 5 stelle al candidato Pippo Calipo, ma Di Maio replica: “Smentisco qualsiasi accordo in Calabria col Pd. I nostri iscritti al movimento si stanno presentando alle elezioni”.