Regionali, polemica per post di Salvini durante silenzio elettorale

webinfo@adnkronos.com

"Prima li mandiamo a casa domenica e poi andiamo a dare l’avviso di sfratto anche al governo tasse, sbarchi e manette". E' quanto si legge in uno dei post che Matteo Salvini, nel giorno del silenzio elettorale, ha pubblicato su Twitter. "Ovunque in Emilia-Romagna e in Calabria mi chiedono più sicurezza, mentre i vari Conte, Renzi e Zingaretti vogliono cancellare i Decreti Sicurezza... #domenicavotoLega", si legge in un altro messaggio. 

E ancora: "Catanzaro, ancora grazie dell'affetto ricevuto mercoledì. Non vedo l'ora di portare il buongoverno della Lega anche in Calabria: da lunedì subito al centro sanità, infrastrutture e difesa dei prodotti di questa splendida terra. Domenica tocca a Voi". Presente anche il tema dei migranti: "La Ocean Viking - si legge in un post - ha recuperato 59 immigrati: il governo dei porti aperti intende farli sbarcare in Italia dopo il voto in Emilia-Romagna e Calabria? Intanto li terranno ‘sotto sequestro’ per non perdere altri voti?". 

Secondo quanto spiega la pagina Facebook Lega-Salvini premier, "poiché Bonaccini del Pd, contravvenendo alle norme elettorali, non ha disattivato le inserzioni a pagamento alla mezzanotte di ieri, abbiamo deciso di procedere alla riattivazione delle nostre, in attesa di chiarimenti". 

Immediato l'intervento del deputato di Italia Viva Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza Rai, per il quale quella di Salvini è una "gravissima violazione del silenzio elettorale: in queste ore tweet e post a ripetizione di propaganda su voto Emilia Romagna e Calabria. Ex ministro dell'Interno che non rispetta leggi è doppiamente grave. Ennesimo tentativo di falsare competizione, dopo abusi Rai", scrive su Twitter.