Regionali, tema alleanze scuote M5S

webinfo@adnkronos.com

di Antonio AtteIl tema delle alleanze in vista delle prossime regionali continua a tenere banco all'interno del M5S. Domenica gli attivisti campani si sono dati appuntamento in un hotel vicino alla stazione centrale di Napoli per decidere se dire sì o no all'intesa col Pd. La stragrande maggioranza dei militanti grillini ha respinto l'abbraccio coi dem, nonostante l'intervento del presidente della Camera Roberto Fico, che ha invitato la base a "lanciare una proposta nel campo di altre forze politiche" ragionando "su un candidato di alto livello".  

Un candidato che in tanti identificano nell'attuale ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Il Movimento fa il suo percorso ed è giusto che la base si pronunci" ha detto a Napoli Costa, che sul tema degli apparentamenti ha osservato: "Uno le chiama alleanze ma sono magari pezzi di vita da percorrere insieme".  

La questione per i grillini si pone anche per quanto riguarda la Liguria, dove gli iscritti su Rousseau hanno incoronato Alice Salvatore come front-runner alle regionali. Ma non tutti in casa 5 Stelle gradiscono la sua candidatura. C'è infatti chi spera ancora in un accordo col Partito democratico a sostegno di un terzo nome (uno dei profili più accreditati è quello del giornalista Ferruccio Sansa). 

Di questo si parlerà probabilmente giovedì, giorno in cui potrebbe avere luogo un vertice tra il capo politico del M5S, Vito Crimi, il responsabile delle campagne elettorali, Danilo Toninelli, e gli eletti liguri. Lo scorso 2 febbraio un post sul Blog delle Stelle dal titolo 'Con Alice Salvatore per liberare la Liguria' ha di fatto 'blindato' la vincitrice delle 'regionarie'.  

Eppure, nel M5S, non manca chi vuole riaprire la partita: "Ne discuteremo giovedì. Non si tratterebbe in ogni caso di una alleanza col Pd ma di individuare un candidato civico che sposi le nostre idee e possa essere supportato oltre che da noi anche da altre forze politiche (tra cui - se lo vorrà - anche il Pd)" dice all'Adnkronos il deputato ligure Marco Rizzone.