Regionali, Toti: dopo Umbria ancora più tranquilli per Liguria

Fos

Genova, 28 ott. (askanews) - "Qua più che altrove la coalizione di centrodestra ha radici forti, solide, strutturate e anche personali tra le classi dirigenti nuove che si sono imposte, ha un progetto di Liguria ampiamente condiviso. Andavamo avanti con serenità ma da oggi con anche maggiore serenità, non quella renziana". Lo afferma il governatore ligure Giovanni Toti, parlando delle prossime Regionali in Liguria, alla luce dei risultati delle elezioni in Umbria.

"Il risultato umbro - sottolinea Toti - dimostra che il fatto di mettere insieme una coalizione sulla base di interessi di sopravvivenza, di poltrone o di giochi di potere, rispetto a programmi e storie politiche così distanti e incongruenti, non imbroglia nessuno, men che meno i cittadini".

"A fronte - aggiunge il governatore ligure e leader di Cambiamo - di un candidato civico trovato all'ultimo momento da due partiti che hanno rinunciato alla loro identità e alla loro storia pur di provare a sommare i loro voti e di una coalizione di centrodestra che ha dimostrato ormai in moltissime Regioni di saper fare del buon governo una cifra di amministrazione, il risultato è stato una prova del 9 che quello che dicevamo era corretto".

"Questo - conclude Toti - ci mette in qualche modo tranquilli e soprattutto forti del nostro buon governo e dei progetti che metteremo in campo per la prossima legislatura. La coalizione di centrodestra si dimostra unita, in Liguria forse più che altrove perché nessuno ha mai messo seriamente in discussione un impianto che parte dalla Regione per arrivare a Genova, Spezia, Savona e a decine e decine di Comuni conquistati in questi anni".