Regione Lazio, Centrodestra: no investimenti per prossimi anni

Bet

Roma, 23 lug. (askanews) - "Dopo aver letto la relazione prodotta dalla Corte dei Conti riscontriamo che la situazione non è affatto entusiasmante per la nostra regione, nonostante i titoli trionfalistici che stanno uscendo in questi minuti da esponenti del PD. La relazione presentata dalla consigliera della sezione regionale di controllo per il Lazio della Corte dei Conti, Oriella Martorana, disegna un quadro preoccupante". Così i capigruppo del centrodestra in Consiglio Regionale del Lazio. "L'applicazione del decreto 35 del governo Letta ha consentito alle amministrazioni regionali - spiega la nota - un'anticipazione di cassa di cui la Regione Lazio ha usufruito per la somma di dieci miliardi. In sostanza si tratta di un mutuo. Gran parte delle entrate tributarie che rimpolpano le casse della regione, irpef e irap, sono già vincolate per l'estinzione delle rate del Piano di rientro dal deficit sanitario e dalla restituzione trentennale delle anticipazioni di liquidità, come appunto su indicato, motivo per il quale verrà impedito ogni tipo di investimento nei prossimi anni in infrastrutture e servizi. Il futuro della nostra Regione è tutt'altro che roseo. Va poi ricordato che il miglioramento che hanno registrato gli indici della sanità del Lazio non è certamente dovuto a meriti ascrivibili alle politiche di Zingaretti, ma è esclusivamente legato al grande sacrificio richiesto ai cittadini e ai pazienti della regione. In ogni caso soltanto il tavolo del 30 luglio deciderà se la sanità del Lazio uscirà dal commissariamento".