Regione Lazio, la decisione di istituire open day di vaccinazione per i maturandi

·2 minuto per la lettura
Vaccini Lazio
Vaccini Lazio

Nella Regione Lazio, il considerevole successo riscosso dagli open day – organizzati nel contesto della campagna vaccinale contro il coronavirus e che hanno fatto registrare il “tutto esaurito” – ha portato il governatore Nicola Zingaretti a valutare l’ipotesi di istituire nuovi open day rivolti ai maturandi.

Lazio, vaccini Covid ai maturandi: l’annuncio dell’assessore alla Sanità

L’incredibile riuscita dell’iniziativa degli open day disposti entro i territori del Lazio ha confermato l’efficacia dei criteri adottati dalla Regione in materia di vaccinazione contro il SARS-CoV-2.

Per questo motivo, si sta considerando l’idea di istituire nuovi open day riservati esclusivamente agli studenti che, a breve, dovranno sostenere l’esame di maturità.

A questo proposito, si è espresso l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, che ha dichiarato: “Entro il 2 giugno faremo un open day nel Lazio per gli studenti che affronteranno gli esami di maturità. Pensiamo sia importante far svolgere in tranquillità gli esami. La gran parte del personale docente e non docente avrà avuto il vaccino ed è importante che lo abbiano anche i maturandi».

Lazio, vaccini Covid ai maturandi: il tweet del governatore Zingaretti

La posizione espressa dall’assessore alla Sanità D’Amato, quindi, imprime una significativa accelerazione nel contesto della campagna vaccinale laziale che ha incontrato il favore del governatore Nicola Zingaretti.

L’ex segretario del Partito Democratico, infatti, ha scritto un tweet sull’argomento, spiegando: “Vaccinare i maturandi ora è possibile e lo faremo. Torniamo alla normalità con i vaccini e pensando a tutti. È giusto pensare a ragazzi e ragazze che hanno di fronte questa prova, dopo 2 anni difficili anche per lo studio e la vita sociale”.

Lazio, vaccini Covid ai maturandi: la reazione dei presidi

L’iniziativa promossa dall’assessore D’Amato e sostenuta dal governatore Zingaretti, inoltre, ha suscitato l’entusiasmo dei presidi degli istituti scolastici laziali che, da svariati mesi, chiedevano alla Regione e all’assessorato della Sanità di effettuare screening ai ragazzi che frequentano le scuole superiori.

L’open day per i maturandi è stato recentemente commentato dal presidente dell’Associazione presidi di Roma e del Lazio, Mario Rusconi, che ha ribadito: “Noi siamo favorevoli ovviamente a questa iniziativa. Del resto, bisogna fare in modo che vengano presi accorgimenti. Saranno mezzo milione gli studenti che andranno alla maturità ma, poi, non dimentichiamo che a settembre si riapre. Il settore è sensibile. Nel frattempo, ricordiamo che non sono state costruite scuole che permettono il distanziamento a classi di 28 o 30 alunni. Avremo tante classi così alla riapertura e l’unica forma di sicurezza in questo caso è avere più vaccinati anche fra gli alunni per non diffondere il virus».