Regione Veneto: Premio per tesi di laurea sull’emigrazione

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 set. (askanews) - "Al fine di mantenere viva la memoria di quell'importante periodo della nostra storia costituito dalla grande emigrazione e, al contempo, comprenderne gli aspetti anche di ricaduta sul sistema sociale, economico e culturale" è stata indetta dalla Regione Veneto la terza edizione del concorso per l'assegnazione di un Premio per tesi di laurea sulle tematiche dell'emigrazione.

La partecipazione al concorso è gratuita ed è riservata a giovani laureati presso le Università del Veneto che abbiano discusso una tesi, nell'anno accademico in corso (2020/2021) o nei due anni precedenti, in materia di emigrazione veneta (2018/2019 e 2019/2020) in una delle Università del Veneto.

Scopo dell'iniziativa è quello di "analizzare il fenomeno dell'emigrazione veneta, sia passata che presente, considerando la stessa in tutti i suoi aspetti: storico, sociale e di risultati economici e imprenditoriali, sia nei paesi di destinazione che nella regione".

La domanda di partecipazione dovrà pervenire, con le modalità previste dal bando ed utilizzando la modulistica specifica, entro il termine del 15 settembre 2021: https://www.regione.veneto.it/documents/61735/3201453/Domanda/0a8daaeb-1f0e-43ce-8a44-16bf019b476c.

Le tesi pervenute entro la data indicata verranno esaminate da una Commissione giudicatrice. La commissione sarà nominata con decreto del Direttore della Direzione Beni Attività Culturali e Sport e sarà composta oltre che dall'Assessore regionale ai Flussi Migratori, o suo delegato, dall'Assessore all'Istruzione, o suo delegato, da un rappresentante dell'associazionismo veneto di emigrazione e da un rappresentante dell'Università (Bando Dgr 1048_21_AllegatoA_454406.pdf )

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli