Regioni per Natale in “zona rossa”, Zingaretti minaccia ordinanza

·1 minuto per la lettura
Regioni per Natale in “zona rossa”, Zingaretti minaccia ordinanza
Regioni per Natale in “zona rossa”, Zingaretti minaccia ordinanza

Roma, 18 dic. (askanews) – Mentre ritardano le nuove misure anti-Covid per le Feste di Natale, con le quali il governo dovrebbe inasprire l’ultimo Dpcm di dicembre, i governatori regionali sembrano a favore di una “zona rossa” natalizia, ancora meglio se alternata con qualche giorno in modalità “arancione” o forse “giallo”. Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha detto che non si opporrà, mentre di fronte ai rinvii il collega del Lazio, Nicola Zingaretti, ha minacciato:

“Credo che sia corretto prendere dei provvedimenti per mettere in sicurezza in sicurezza il Natale, perché parliamo di sicurezza dei cittadini. Io sono convinto e mi auguro che oggi ci sia il provvedimento, ovviamente se non ci sarà un provvedimento del governo, domani il Lazio, nelle prossime ore, prenderà un provvedimento regionale che riguarderà tutto il periodo delle feste natalizie”.

Come già ha fatto il governatore del Veneto Luca Zaia, firmando un’ordinanza regionale che dal 19 dicembre vieta gli spostamenti fra comuni dopo le 14, tuttavia con molte deroghe (per i figli da riprendere, matrimoni, funerali o servizi alla persona). Nella consueta conferenza stampa sul Covid, Zaia ha citato i dati del bollettino, che a fronte di 52.376 tamponi nelle ultime 24 ore (18.740 molecolari e 33.636 rapidi) assegnano al Veneto un preoccupante record:

“Positivi nelle ultime 24 ore 4.211, che sono l’8% (di incidenza, ndr), anche domani saremo la regione con più positivi d’Italia”, ha commentato Zaia.

“Il dato che ne viene fuori è che c’è un timido segnale regionale, però abbiamo ancora delle evidenze di criticità, penso ad esempio a Verona, che è tiratissima per i ricoveri in area non critica, ma in particolar modo per le terapie intensive”, ha aggiunto.