Regno Unito: caso Skripal, Polizia identifica un terzo russo per l'avvelenamento

·1 minuto per la lettura

La Polizia britannica ha identificato un terzo cittadino russo, accusato dell'avvelenamento di 4 persone nel 2018, nella città inglese di Salisbury.

Una di loro non sopravvisse: Denis Sergeev, che ha agito sotto mentite spoglie, è sospettato di essere un alto comandante dell'agenzia di Intelligence militare russa (GRU).

L'attacco con l'agente chimico Novichok era indirizzato contro l'ex spia Sergei Skripal e sua figlia Yulia, che furono gravemente intossicati.

Risultò poi avvelenato anche un agente di Polizia (Nick Bailey), e durante le indagini una donna (Dawn Sturgess) è morta dopo essere venuta a contatto con la bottiglietta di profumo che conteneva il veleno, abbandonata in un parco.

Due uomini russi furono rapidamente identificati come i presunti colpevoli e la Polizia oggi ha rivelato la loro vera identità.

Tutti e tre sono stati accusati in contumacia di associazione a delinquere finalizzata all'omicidio, tentato omicidio con lesioni personali gravi, nonché uso e possesso di armi chimiche.

La Polizia locale afferma di essere determinata a consegnare i responsabili alla giustizia.

La Russia ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento.

Sergeev, che a detta degli inquirenti risulta essere arrivato a Londra prima dell'attacco (con un documento intestato a Sergei Fedotov), rimase nella capitale sino al giorno dopo i fatti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli