Reinventing cities, 7 aree milanesi in nuovo bando internazionale

Red-Asa

Milano, 4 dic. (askanews) - Piazzale Loreto, il nodo di interscambio Bovisa, lo scalo ferroviario di Lambrate, aree in via Monti Sabini e a Crescenzago, l'area dell'ex Macello e le Palazzine Liberty di viale Molise. Sono le sette aree con cui Milano partecipa alla seconda edizione di "Reinventing Cities", il bando internazionale promosso da C40 che prevede l'alienazione di siti dismessi o degradati da destinare a progetti di rigenerazione ambientale e urbana, nel rispetto dei principi di sostenibilità e resilienza. L'iniziativa è stata illustrata questa mattina a Palazzo Marino dall'assessore all'Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran, dall'amministratore delegato di Fs Sistemi Urbani (Gruppo Fs Italiane) Umberto Lebruto, il presidente di Fnm Andrea Gibelli, il rappresentante di C40 Zachary Tofias e l'architetto Paolo Mazzoleni, Presidente dell'Ordine degli Architetti di Milano.

"Si tratta della prima applicazione concreta del Piano di Governo del Territorio appena approvato, non solo dal punto di vista delle norme, ma anche per gli obiettivi: incrementare l'offerta di case accessibili in affitto e rigenerare il territorio con interventi di elevata qualità ambientale - ha commentato l'assessore Maran -. Loreto e Bovisa si svilupperanno a partire dall'idea che il progetto batte la regola se si interviene attraverso un lavoro di ricucitura territoriale e in una logica che vuole concentrare la densità urbana in prossimità delle metropolitane. In via Monte Sabini, Crescenzago e all'ex Macello dovranno essere realizzati alloggi in edilizia residenziale sociale, in particolare in affitto, per rispondere alla domanda di casa a prezzi accessibili. Anche a Lambrate, come previsto dall'Accordo di Programma per la rigenerazione degli scali ferroviari, arriverà edilizia residenziale sociale in affitto e in vendita e alloggi per gli studenti a prezzi accessibili. Infine nelle Palazzine Liberty potranno nascere servizi per tutto il quartiere e la città".