Remuzzi: "Possibile vaccino ogni anno"

·1 minuto per la lettura
Remuzzi sui vaccinati
Remuzzi sui vaccinati

Il direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Giuseppe Remuzzi ha affermato che la situazione pandemica in Italia è migliorata ma “dal virus “ci si può aspettare di tutto e non ci sono certezze“: secondo lui potremmo dirci davvero sicuri solo quando avremo raggiunto il 90% di vaccinati compresi i bambini.

Remuzzi sui vaccinati

Intervistato dal Corriere della Sera, l’esperto ha spiegato che fino a quando il Covid non sarà sotto controllo è meglio non farsi illusioni parlando di fine della pandemia. Ricordando che solo due volte nella storia le malattie virali sono state completamente eradicate (vaiolo e peste bovina), ha evidenziato che in entrambi i casi c’è stata una vaccinazione massiva di tutto il mondo.

Di qui la necessità di mettere insieme tutta la tecnologia disponibile in ciascun paese per avere conoscenze e impianti capaci di sviluppare vaccini sempre più sofisticati e poter vaccinare il mondo intero.

Remuzzi sui vaccinati e le dosi

A chi gli ha chiesto quando sarà possibile sentirsi tranquilli, Remuzzi ha risposto “quando ci avvicineremo al 90% di vaccinati compresi giovani e bambini“. La vaccinazione di questi ultimi, ha evidenziato, è particolarmente importante perché anche loro possono ospitare e quindi trasmettere il virus.

Remuzzi ha infine dichiarato che non è escluso che la vaccinazione contro il Covid si dovrà fare ogni anno. Ma tra quella per il coronavirus e le altre che si fanno sempre e comunque, ad un certo punto si riuscirà a bloccare le manifestazioni più gravi della malattia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli