Renato Zero: con le donne un mondo meno patologico

Renato Zero: con le donne un mondo meno patologico

Roma, 30 set. (askanews) – Oggi le donne lavorano, ma restano diverse dagli uomini, più capaci di mediare e stabilire ‘un equilibrio meno patologico”; lo dice Renato Zero, intervistato a margine della presentazione del suo nuovo album “Zero il folle”.

“La donna ha questo ruolo; già che ci partorisce, è un punto di forza innegabile; ma a volte i figli sono irriconoscenti verso le donne, anche quanto alla donna viene tolta la parola, la forza del matriarcato, di aver guidato la famiglia, di essere riuscita a far quadrare i bilanci della famiglia e a dare ai figli l’educazione che il padre non avrebbe avuto materialmente la possibilità di fare visto che stava fuori tutto il giorno. E’ pur vero che la donna ora esce di casa e diventa professionista; quando un solo stipendio non bastava più, ecco che si trova costretta ad uscire di casa. Ma io sono ancora un fautore della sua capacità di mediare e stabilire con meno isteria e meno presunzione quell’equilibrio che è necessario perché tutto si rilassi e tutto diventi meno patologico” ha detto Zero.