Renato Zero: ecco la mia nuova "follia", un disco che dialoga

Roma, 30 set. (askanews) - Si affrontano temi come la vita e l'aborto, la morte, la condanna delle nuove tecnologie e dei social, l'ambiente, la fede, l'amore, il perdono. È un viaggio il nuovo album di inediti di Renato Zero, "Zero il folle" che l'artista romano ha presentato - non a caso nel giorno del suo 69esimo compleanno - all'Auditorium Parco della Musica di Roma, davanti alla stampa e, insolitamente, a un gruppo di fan.

Un disco che Zero definisce così: "Una necessità personale di dare voce a certe problematiche perché fino a un certo punto, certi problemi cantati in passato non riflettevano una urgenza così imminente. Erano problemi che erano in piedi da tanto, cercando forse di trovare soluzione, ma in questo preciso momento storico ci troviamo di fronte a delle scelte radicali, fondamentali, e questo significa che anche l'artista si deve prendere i suoi impegni e deve cercare a suo modo di partecipare a questa possibilità di riacquisire una certa maturità, un equilibrio e soprattutto dialogare. Quindi questo disco è un disco che dialoga".

"Zero il folle", pubblicato da Tattica, esce il 4 ottobre. Tredici tracce che compongono un disco disponibile con 4 "folli" cover.

"Il filo conduttore questa volta sono io con questa mia eccentricità, con questa voglia di utilizzare la follia come strumento di sollecitazione, di stimolazione. Quindi tutto ciò che passa attraverso questi orecchi e questi occhi viene trasferito poi su una pagina bianca e su un registratore".

Zero e il folle? Non è facile averli insieme - risponde - Zero era diventato troppo invadente, ma ormai dormono nello stesso letto.

Il disco risente molto di questa necessità anche di adoperare zero, che è stato probabilmente l'artefice di questa mia trasformazione in positivo, credo, e a lui ho dedicato questa responsabilità di non far più sorridere, ma di dare la possibilità a Zero anche un po' temibile, per il suo coraggio, per il suo temperamento".

Zero il folle è stato registrato a Londra, dal primo novembre partirà il tour nei palazzetti di tutta Italia.