Renato Zero, le dure parole dopo le elezioni: "Dopo Draghi figure imbarazzanti"

Renato Zero Mario Draghi
Renato Zero Mario Draghi

“Sono allergico alle retoriche”, così Renato Zero che, a distanza di qualche giorno è tornato a spendere critiche, rivolgendosi ad una certa classe politica. Il cantante nel corso di una sua lunga riflessione apparsa sul settimanale “Oggi” ha parlato di quelle che sarebbero le principali criticità della politica: “La politica spesso diserta le esigenze meno visibili”. “Vedo che sono candidate figure addirittura imbarazzanti”, sono state le parole più dure.

Renato Zero le parole su Mario Draghi: “Ci siamo visti sottrarre Draghi”

Renato Zero nel parlare delle problematiche della politica ha dichiarato al periodico: “Ci siamo visti addirittura sottrarre Draghi che era sano, molto proponibile e piaceva all’Europa. Sarà una mancanza ancora più grave in un’emergenza come questa. Vedo che sono candidate figure addirittura imbarazzanti. Non mi sento di essere ottimista, francamente”.

“Mi hanno chiesto molte volte di candidarmi molte volte”

Infine è arrivata la rivelazione del cantante: “Mi hanno chiesto di candidarmi molte volte. Ma sono allergico alle retoriche, a certi atteggiamenti che tendono a dare l’idea della salvezza e della risoluzione delle problematiche, e invece servono solo a scaldare il seggio”.

Ad Adnkronos qualche giorno fa aveva dichiarato: “C’era bisogno di andare al voto così in fretta? Stavamo così bene con Draghi! Poteva finire il suo mandato. Così andremo a votare come si fa una schedina del totocalcio. Non conosciamo i candidati. Abbiamo avuto gli Almiranti, i Saragat, Togliatti e Nenni gente che girava le borgate e invece ora brancoliamo nel buio”.