Renault Captur E-Tech plug-in Hybrid, dalla F.1 alla strada

Redazione
·3 minuto per la lettura

L'Umbria accoglie la presentazione del nuovo Renault Captur E-Tech plug-in hybrid. Terra di spiritualita' e di meditazione e' stata scelta per simboleggiare la rigenerazione anche nel mondo automobilistico con un sistema che permette di viaggiare in modalita' elettrica senza lo stress da ricarica. Ed e' proprio dall'esperienza in Formula 1 che Renault ha trasposto la gestione dell'energia e l'innovativa trasmissione multi-mode con innesto a denti priva di frizione nel Nuovo Captur. Dal suo lancio, nel 2013, il SUV compatto Renault e' stato il piu' venduto in Italia.

L'anno scorso ennesimo record con 30.000 veicoli.

Piacevole da guidare con la coppia immediatamente disponibile e l'accelerazione istantanea. Attivando la modalita' Sport e' possibile sfruttare le tre motorizzazioni contemporaneamente con tanta potenza del gruppo motopropulsore, utile nei sorpassi.

Si viaggia in maniera molto comoda, nessun rumore in elettrico, ma anche quando entra in funzione il motore termico ai bassi regimi la silenziosita' e' garantita. Confortevoli le sellerie in pelle TEP con tasca posteriore in rete ed anche i posti posteriori. La panchetta si sposta di 16 cm e il pianale, quando si ripiegano i sedili, diventa piatto. Con la sua batteria da 9,8 kw ha un'autonomia elettrica in citta' fino a 65 Km e fino a 50 km nel misto, con una velocita' in elettrico fino a 135 km/h. Il motore e' un 4 cilindri da 160 cv, consuma 1,4 l per 100 km nel ciclo misto con emissioni di CO2 di 32g/km accedendo quindi per l'acquisto agli incentivi statali e locali. Il gruppo motopropulsore prevede due motori elettrici: e-Motor per la trazione puramente elettrica, che sviluppa 49 Kw (68cv) a 205 Nm, ed uno starter HSG. La batteria e' agli ioni di litio da 9,8 kwh.

La trasmissione e' associata al motore a benzina aspirato da 1,6 cc di nuova generazione con doppio iniettore e bore spray coating.

Il nuovo Captur dunque parte sempre in elettrico, ed il motore termico interviene da supporto all'elettrico nelle forti accelerazioni. La combinazione dei motori e' fluida e priva di trascinamenti. La tecnologia ibrida si e' avvalsa delle competenze della scuderia Renault DP World F1 Team oltre che per l'architettura del gruppo motopropulsore e per l'innovativa trasmissione Multi-mode, anche per il sistema di recupero e riutilizzo dell'energia. Infatti nelle fasi di decelerazione e frenata il sistema automaticamente rigenera la batteria trasformando l'energia cinetica prodotta dalla decelerazione in elettricita' rimandandola alla batteria. Inoltre quando il guidatore frena il motore elettrico contribuisce alla frenata e recupera l'energia in eccedenza rimandandola alla batteria. La batteria si puo' ricaricare in rete da tre a cinque ore, a seconda del tipo di presa, ivi comprese quelle per uso domestico, con una potenza di ricarica massima di 3,7 Kw.

Il guidatore ha a disposizione due display, i piu' grandi della categoria, il cruscotto digitale da 10,2" e il display multimediale da 9,3". Sul cruscotto viene riportata l'autonomia in modalita' elettrica, gli scambi dei flussi ed il recupero energetico, il tempo di ricarica necessario o il livello di ricarica della batteria. Nuovo Captur e' disponibile da 32.950 Euro nell'allestimento Intens che offre oltre alle principali dotazioni di serie cerchi in lega da 17", climatizzatore automatico, fari anteriori e posteriori full led con firma luminosa dinamica, parking camera, retrovisore interno fotocromatico. La versione top di gamma, Initiale Paris, costa 36.950 Euro.

(ITALPRESS).

col/tvi/red