Renault con Envision e Verkor per produrre batterie in Francia

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 giu. (askanews) - Il Gruppo Renault ha presentato la strategia per progettare e produrre in Francia le batterie destinate ai suoi veicoli elettrici. Il Piano Batterie, tappa fondamentale della "Renaulution", si concretizza con la firma di due partnership, con Envision AESC - gruppo specializzato nelle tecnologie delle batterie e negli stabilimenti delle batterie smart, digitalizzate e a basse emissioni di carbonio, storico partner di Nissan con cui verrà costruita una Gigafactory -, e la start-up Verkor, con sede a Grenoble, specializzata nello sviluppo delle celle delle batterie per i veicoli elettrici.

Le due nuove partnership completano gli accordi già in essere del gruppo Renault, in particolare quello storico con LG Chem, per la fornitura di moduli di batterie, oggi per la gamma elettrica Renault e, domani, per la futura Mégane E-Tech Electric. Nel frattempo, le discussioni continuano con ACC per completare, eventualmente, questo ecosistema a partire dal 2027. Intanto, la ricerca fa progressi nell'Alleanza per sviluppare la tecnologia delle batterie a stato solido entro il 2030 con il progetto ASSB (All Solid-State Battery technology).

"La nostra strategia a livello di batterie si basa sui dieci anni di esperienza e di investimenti effettuati dal Gruppo Renault nella catena del valore della mobilità elettrica. Queste nuove partnership con Envision AESC e Verkor consolideranno significativamente la nostra posizione per garantire la produzione, entro il 2030, di un milione di veicoli elettrici "made in Europe". Si tratta di una fase importante per incrementare la nostra competitività, radicare il Gruppo nella dinamica industriale francese e raggiungere il nostro obiettivo di zero emissioni. Il Gruppo riafferma così la sua volontà di produrre in Francia veicoli elettrici popolari, accessibili e redditizi, ha dichiarato Luca de Meo, Ceo di Renault.

La partnership con Envision AESC prevede la realizzazione di una gigafactory a Douai con una capacità di 9 GWh nel 2024, con l'obiettivo di raggiungere 24 GWh entro il 2030. Envision AESC, il ramo batterie di Envision Group, investirà fino a 2 miliardi di euro per produrre batterie all'avanguardia tecnologica, a basse emissioni di carbonio, competitive in termini di costo e destinate ai modelli elettrici, tra cui la futura R5. Tramite questa partnership, Envision AESC prevede di creare 2.500 posti di lavoro entro il 2030. La gigafactory di Envision AESC sarà costruita vicino ai siti di produzione di Renault ElectriCity (Douai, Maubeuge e Ruitz), dove il gruppo prevede di creare 700 posti di lavoro, per incrementare sinergie e competitività.

La gigafactory di Douai apre la strada alla produzione di batterie a basse emissioni di carbonio, in linea con gli obiettivi del Green Deal dell'Unione Europea e con lo sviluppo di soluzioni di riciclo a circuito chiuso degli scarti di produzione e delle batterie a fine vita. Conformemente agli impegni del Gruppo Renault, la gigafactory è una risorsa fondamentale per raggiungere l'obiettivo zero emissioni in Europa nel 2040 e nel mondo nel 2050, con i veicoli elettrici che, nel 2030, rappresenteranno il 90% delle vendite del brand Renault.

"Questa prima fase di sviluppo consentirà di sbloccare i futuri investimenti su vasta scala, per sviluppare la supply chain locale e sfruttare tutte le possibilità offerte dal ciclo di vita completo delle batterie, in particolare lo stoccaggio di energia, il riutilizzo delle batterie, la ricarica smart e il riciclo a circuito chiuso. Ciò consentirà di aprire la strada per creare migliaia di nuovi posti di lavoro verdi a forte valore aggiunto in un ecosistema completo comprensivo delle batterie nella regione", ha dichiarato Lei Zhang, Fondatore e Direttore Generale di Envision Group.

La seconda partnership con la startup francese Verkor prevede la firma di un protocollo di intesa per l'ingresso di Renault nel capitale con una quota del 20% e la realizzazione di una linea di produzione pilota per batterie ad alte prestazioni entro il 2022 ed una gigafactory di eccellenza entro il 2026. Renault punta anche ad entrare nel consorzio creato nel 2020 intorno a Verkor per rispondere alle sfide della digitalizzazione, della decarbonizzazione e della reindustrializzazione della Francia e dell'Europa nel settore.

Renault e Verkor svilupperanno una batteria ad alte prestazioni adatta per i segmenti C e superiori della gamma Renault, ma anche per i modelli Alpine. Tramite il consorzio, contribuiranno alla creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti a medio termine.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli