Renzi apre Italia Viva "a destra, sinistra e FI". Bellanova: "Carfagna e Polverini? Sarebbero benvenute"

HuffPost
Italia Viva

Italia Viva prosegue la sua campagna per crescere numericamente in Parlamento e a livello locale. Matteo Renzi non fa mistero della sua volontà di attrarre personalità politiche dagli altri partiti. “Noi pensiamo di seguire uno schema inedito, ma che in qualche modo richiama al movimento di Macron, En Marche. Noi apriamo a tutti, a destra e a sinistra, purché si parli di persone perbene, fresche, innovative”, afferma l’ex premier in un’intervista al quotidiano online livesicilia.It nel giorno del lancio regionale del suo nuovo partito a Catania.

L’ex premier specifica che “noi ci rivolgiamo certamente all’elettorato di Forza Italia. Noi siamo pronti a dialogare con tutti, senza esclusione. A patto che a unirci non sia una tessera o una schema mentale. Siamo pronti a parlare con chi si sintonizza con noi sulle cose da fare, e sono tante”.

Torna sul tema Teresa Bellanova, ministra all’Agricoltura, durante L’Intervista su Sky Tg24 condotta da Maria Latella, che le chiede del possibile passaggio in Italia Viva di Mara Carfagna e Renata Polverini. Bellanova risponde dicendo che “Italia Viva è una startup della politica che vuole attrarre quelli che vogliono contribuire a migliorare le condizioni di questo Paese, se vorranno venire saranno le benvenute. Mi piace – prosegue Bellanova - l’idea che Italia Viva possa essere il luogo in cui le persone vogliono contribuire a dare un futuro positivo ai ragazzi e alle ragazze e vogliono assumersi la responsabilità di dare legittimità alla politica”.

Renzi ha lanciato oggi Italia Viva in Sicilia, da Catania, alla presenza di 5 mila persone. “La Sicilia per noi è importante. E ha sempre anticipato il ciclo nazionale. Qui abbiamo tre anni davanti a noi per far radicare Italia Viva e poi esprimere un nostro candidato alla presidenza della regione” ha spiegato nell’intervista a ‘livesicilia.It’. “Mi sembra che Italia Viva in Sicilia sia partita molto bene, sia all’ars dove è nato...

Continua a leggere su HuffPost