Renzi: "Chi ha paura di 'Bella Ciao' non sta bene"

webinfo@adnkronos.com

"Ho visto le polemiche su Bella Ciao, facciamo un tutorial per la Meloni: Bella Ciao è la canzone di tutti quelli che hanno combattuto il fascismo, è la canzone che sento mia. Altra cosa è Bandiera Rossa, che è la canzone dei comunisti. Chi ha paura di Bella Ciao non sta bene". Lo ha detto Matteo Renzi a 'Piazzapulita', commentando le immagini dei commissari Ue che intonano il canto della Resistenza. 

Parlando poi della sconfitta al referendum del 2016, "ha cambiato la possibilità di avere un governo deciso dagli italiani. Se fosse passato quel referendum oggi non avremmo il governo 'Frankenstein', avremmo un partito vincente alle elezioni che governa per 5 anni" ha affermato il leader di Italia Viva. "Non sono interessato a tornare a fare il premier, se avverrà... avverrà". 

E ancora: "Se si continua così, ci sta che si vada a votare davvero" ha detto sulle tensioni nel governo. "Noi non stiamo litigando. A quell'incontro in cui domenica hanno litigato, Italia Viva non c'era". E se "una parte del Pd si è innamorata del M5S" ha proseguito Renzi, "Di Maio non è il mio tipo... per me non era un matrimonio d'amore ma una convivenza di interesse per salvare il Paese da Salvini".  

"Secondo me Di Maio non vuole far cascare il governo" perché "se si va a votare con 600 parlamentari, ne prende 60. Però sta creando un clima brutto. Vorrei lanciare un appello, basta polemizzare su tutto sempre e comunque".