Renzi: chiederemo a Conte di trasformare piano "shock" in decreto

Prs

Torino, 15 nov. (askanews) - "Ci sono oltre 120 miliardi fermi pronti a essere spesi e in questo momento l'Italia è in una curva discendente drammatica. O interveniamo subito o non andremo da nessuna arte". Parola di Matteo Renzi, fondatore di Italia Viva, che a Torino ha presentato le proposte "shock" per dare una scossa all'economia e all'Italia. "Un progetto che verrà studiato, approfondito, condiviso in 2 mesi e che diverrà un testo di legge, che chiederemo al premier di trasformare in decreto legge", ha annunciato Renzi.

Per sbloccare le risorse che servono a far ripartire infrastrutture, e a puntare su scuola e cultura il modello a cui si ispira Renzi è quello dell'Expo di Milano. "L'Expo era fermo, stava per essere chiuso. Cosa abbiamo scelto di fare? Abbiamo messo l'ambulanza sulla corsia di emergenza e cioè fatto un grandissimo investimento su un commissariamento con Beppe Sala e un controllo fortissimo affidato all'anticorruzione di Raffaele Cantone. Con questo meccanismo abbiamo sbloccato le opere. La stessa cosa abbiamo fatto a Pompei, affidandola a Nistri", ha spiegato Renzi.

"Dicono che vogliamo dare problemi al governo, non è vero, noi vogliamo dare idee. Questo è il nostro contributo per permettere all'Italia di rimettersi in moto", ha concluso.