Renzi: "Con Draghi le cose cambiano. Pd? Fallita la strategia 'Conte o morte', normale che qualcosa accadesse"

Rara Piol
·Giornalista & Blog Assistant, HuffPost
·2 minuto per la lettura
Matteo Renzi (Photo: Ansa)
Matteo Renzi (Photo: Ansa)

“Fino a una settimana fa in tanti dicevano: ma che cosa cambia con Draghi al governo? E invece sul Recovery plan, sulla gestione dell’intelligence, sui vaccini tutto sta cambiando. Abbiamo bisogno di più dosi e il governo italiano sta cambiando passo portandosi dietro l’intera Unione Europea, come abbiamo visto anche in questi giorni sulla vicenda Astrazeneca-Australia. Ma abbiamo bisogno anche di utilizzare le dosi già acquistate: in questo senso penso che sia assurdo che mentre salgono i contagi ci siano circa due milioni di dosi già a disposizione delle Regioni e delle istituzioni NON utilizzate”. Lo scrive Matteo Renzi sulla sua E-news.

“Ecco perché - sottolinea - chiedevamo mesi fa un piano vaccini serio! E bene ha fatto Draghi a cambiare la struttura mettendo a capo un generale dell’esercito esperto di logistica e sanità militare, il generale Figliuolo, al posto del commissario Arcuri. Piano piano tutto sta cambiando. Spero che la prossima tappa sia ripensare il cashback: pensate che per il cashback l’Italia ha speso il doppio di quanto ha speso la Nasa in America per mandare Perservance su Marte. Abbiamo aperto la crisi di governo perché le cose non funzionavano. E adesso vedete che piano piano tutto sta cambiando e cambierà”, assicura Renzi.

Il leader di Italia Viva poi continua: “Non mi interessa commentare ciò che sta avvenendo nel Pd. Era normale che dopo il fallimento della strategia “O Conte o morte” qualcosa potesse accadere. L’asse con i cinque stelle sembra oggi inossidabile al punto da permettere a Beppe Grillo la provocazione della candidatura alla guida del PD. I problemi del Pd lasciamoli al Pd”.

Un riferimento poi alla busta con i bossoli che gli è stata recapitata: “Aumentano varie forme di minacce. Ma più che la busta con i bossoli ricevuta in Senato (grazie a tutti per le parole d...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.