Renzi e il piano per scegliere il sostituto di Conte a Palazzo Chigi

renzi sostituto conte

Circolano voci di un possibile nuovo ribaltone tra le fila della maggioranza e, in particolare, dai banchi della neonata formazione Italia Viva. A rivelarlo è un retroscena pubblicato dal Corriere della Sera sulla base della confessione di alcuni fedelissimi di Matteo Renzi, che parlano del piano che l’ex premier starebbe preparando per sostituire Giuseppe Conte alla presidenza del Consiglio. Al suo posto, il senatore di Pontassieve sarebbe pronto a far sedere un ex nemico, che ha ribattezzato “amico” nel corso della Leopolda 10.

Renzi e il sostituto di Conte

Il futuro premier designato da Renzi sarebbe Dario Franceschini, attuale ministro per i Beni culturali. Molti tra i renziani presenti alla Leopolda hanno notato il cambio di rotta da parte del senatore, che si è rivolto al ministro con toni assai meno aspri rispetto sia al passato sia a quelli riservati agli altri dem. La battaglia tra il fondatore di Italia Viva e il governo giallorosso è ormai aperta, inasprita dalla discussione sulla manovra economica e, in particolare, Quota 100. Ma Renzi assicura che non sarà lui a portare la crisi a Palazzo Chigi. “Credo che siano Conte e Zingaretti a voler staccare la spina” avrebbe detto ai suoi. “Ma chi vuole far finire la legislatura prima di eleggere un presidente pro Europa si assume una grossa responsabilità. Io il mio messaggio l’ho mandato. Se Conte vuole essere della partita in questa operazione bene, altrimenti faremo a meno di lui”.

L’opzione Di Maio

Non si tratta, del resto, della prima indiscrezione su un possibile intervento di Renzi per influenzare la scelta del successore di Conte. Pochi giorni prima, Il Fatto Quotidiano aveva diffuso il retroscena secondo cui l’ex premier punta a mantenere l’alleanza tra Pd e M5s, ma sostituendo “l’avvocato del popolo” con Luigi Di Maio. Indiscrezione confermata anche dalle parole dell’ex direttore del Corriere, Paolo Mieli, ospite a Otto e mezzo.