Renzi: indagine su Fondazione Open attacco a separazione dei poteri

Adm

Roma, 27 nov. (askanews) - L'indagine sulla fondazione Open è un attacco al principio della separazione dei poteri. Lo dice Matteo Renzi nella sua enews. "Questa indagine attacca i principi di Montesquieu, non (solo) quelli di Beccaria. Aspetteremo le indagini con la libertà di chi conosce la verità. Ma contemporaneamente porteremo a tutti i livelli istituzionali lo sconcerto di chi vede messo in dubbio una colonna del sistema istituzionale con due magistrati che invadono il terreno della politica decidendo che cosa è partito e cosa no. E creando le condizioni perché chiunque possa definire partito, un domani, una Srl o un'associazione. Persino una bocciofila".

"Il capogruppo di Italia Viva al Senato - aggiunge Renzi - ha chiesto di calendarizzare con urgenza una discussione su questo tema perché è in gioco l'autonomia della politica. Non vedo l'ora di intervenire sul punto. Inutile dire che il primo effetto di questa vicenda sarà l'azzeramento di tutti i contributi di aziende a Italia Viva. Noi abbiamo abolito il finanziamento pubblico ai partiti, questa indagine ha abolito il finanziamento privato a Italia Viva. Peccato, è un bel danno. Ma sono il primo a suggerire alle aziende di stare lontano da me: solo chi ha sprezzo del pericolo può finanziarci come azienda oggi".