Renzi: insieme ai grillini? Ok, ma senza di me -3-

Rea

Roma, 22 lug. (askanews) - Il terzo punto su cui Renzi vuole fare chiarezza è invece 'tattico': "Chiarito che sono concettualmente contrario, mi domando che gusto ci sia ad aprire ai Cinque Stelle per ricevere il giorno dopo da Di Maio la risposta: 'Non ci accordiamo col Partito di Bibbiano'. Ma che senso ha? Che gusto c'è? Franceschini si sforza di offrirmi un trattato di tattica parlamentare e di saggezza politica, ma il godimento nel prendere schiaffi, addirittura da uno come Di Maio, non si chiama politica, si chiama masochismo. A me fa schifo sentirmi dire che il mio partito è quello che usa l'elettroshock contro i bambini. Non ho valori comuni con un omuncolo meschino che per prendere un voto strumentalizza anche gli orrori. Noto che a qualcuno piace aprire a chi ci insulta, aprire per farsi dire no grazie. A me no".

E conclude: "Mi spiace che tutte le volte il mio nome sia tirato in ballo in polemiche interne al Pd. Penso sia ingiusto. Ho proposto una mozione di sfiducia perché mi sembrava naturale che l'opposizione alzasse la voce contro Salvini e che i Cinque Stelle fossero messi alla prova per capire davvero le loro intenzioni. Il segretario Zingaretti ha detto no e per rispetto nei suoi confronti mi sono fermato senza raccogliere le firme dei parlamentari. Ho fatto lealmente la mia campagna elettorale a fianco dei candidati del Pd alle europee e nei territori cercando di dare una mano. Ho finanziato una scuola di formazione politica e iniziato una battaglia contro le fake news che spero sia utile all'Italia, prima ancora che al Pd. Chiedo solo una cosa: se qualcuno vuole davvero fare l'accordo con i Cinque Stelle ci provi, alla luce del sole, senza dover attaccare me. Io non condivido questa scelta e per il rispetto che devo a chi mi ha eletto nel collegio, non voterò la fiducia a un governo Pd-Cinque Stelle. Chi vuole provarci lo faccia: nessuno potrà impedirmi di oppormi ad alta voce come è mio diritto. E come è mio dovere. Si può rinunciare a una poltrona, come io ho fatto più volte, ma non si può rinunciare alla dignità".