Renzi: la frecciatina a Salvini e Meloni

Renzi
Renzi

In occasione delle prossime elezioni, Matteo Renzi ha proposto un tweet in cui dice al vetriolo ciò che pensa sull’attuale situazione politica. Il segretario di Italia Viva dice: “La sinistra apre la campagna elettorale candidando Di Maio e parlando di tasse. La destra di Salvini e Meloni la conosciamo: sovranisti e populisti. C’è un mondo che chiede di votare altro. Noi ci siamo #TerzoPolo“. Il tweet in questione ha generato numerosi commenti da parte dei follower.

Elezioni: i commenti al tweet di Renzi

Questi i commenti al tweet di Matteo Renzi: “Sig. Renzi, il 3°polo è il M5S. Nella sua vita qualcosa che non abbia copiato dagli altri esiste? Rincorre Conte e M5S ma non ha né la capacità né la competenza per farlo. Il 25,dato che nel 2016 non ha rispettato la sua promessa, ci penseranno gli italiani a mandarla affan… :)”. Un altro: “E pensare che hai imposto il rosatellum per evitare i terzi poli, e comunque potrebbe pure servire se arrivasse al 25-30%, ma mi sa che serve solo a riconfermare qualche seggio in parlamento. A meno che non chiami la destra, allora si potrà andare al governo e/o al sottogoverno”. C’è chi poi afferma ironicamente: “Pensavo che era il profilo parodia….”.

La richiesta a Calenda

Come informa il Fatto Quotidiano, Matteo Renzi ne ha approfittato per chiedere a Carlo Calenda di rinunciare al Partito Democratico e di dare vita al “polo moderato”. Qualche giorno fa l’ex premier, ospite a 24Mattino di Radio24, aveva detto su Calenda: “Con Letta non ci sentiamo da tempo. Prima però ha fatto sapere ai giornali che riteneva non utile una alleanza con noi, poi invece ha fatto dichiarazioni diverse. Con Calenda invece ci siamo visti. Se il Pd decide di fare un’alleanza sui contenuti e sulle cose serie, parliamone”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli