Renzi: le elezioni regionali non sono un giudizio di Dio

Bar

Roma, 25 nov. (askanews) - "Bisogna smettere di considerare tutte le elezioni regionali come un giudizio di Dio. Tutte le volte si dice: si vota in Umbria, ha vinto Salvini, a Firenze Nardella, a Bari Decaro. Bisogna abituarsi al fatto che la gente capisce. Se voglio votare lo stesso giorno per la Lega ma a Bari per Decaro, significa che la gente sceglie". Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia viva, nel corso della registrazione di Quarta repubblica, in onda stasera su Rete 4.

"L'Emilia Romagna è cresciuta di più come Pil, anche per effetto del terremoto del 2012, Bonaccini - ha sottolineato l'ex premier - ha preso la regione con la disoccupazione al 10 e adesso è al 5. Ha credibilità sia a sinistra che a destra. Si vota per Bonaccini o Borgonzoni, vedrà che vince Bonaccini".