Renzi: "Non mi sto spostando a destra"

·1 minuto per la lettura

"No, non mi sto spostando a destra". Matteo Renzi taglia corto ai microfoni di Zapping rispondendo alla domanda legata alle intese che Italia Viva potrebbe stringere su base locale. "La Sicilia -assicura l'ex premier- è da sempre una terra in cui si fanno sperimentazioni audaci. C'è da eleggere il sindaco di Palermo e il presidente della Regione. Soprattutto sul sindaco di Palermo stanno valutando se quell'area definita popolare, quella che va da Forza Italia fino a fino ai riformisti del Pd, riesce a stare insieme. Il mio commento è che se son rose fioriranno, vedremo. E' una questione in questo momento tutta interna alla Sicilia".

"Del resto -sottolinea Renzi- non sono stato io a dire che bisognava allargarsi a Forza Italia ma lo stesso Letta a dire che bisognava dividere i moderati dai sovranisti. Sono tutte chiacchiere, fino al presidente della Repubblica sono pronto scommettere che è tutta ammuina".

"Faccio delle attività previste e permesse dalla legge, se ci fosse una solo cosa incompatibile mi fermerei immediatamente. In questo caso, c'è un imprenditore di Napoli che si quota a Wall Street e a me sembra un successo, una cosa bella. L'idea che ci sia una polemica mi lascia ancora una volta perplesso", dice Renzi rispondendo alle domande sulle sue attività 'extra politica. "Vogliamo vivere tutti di reddito di cittadinanza? Io faccio cose previste dalla legge. Ho l'impressione che non potendoci attaccare sulla politica lo fanno su tutto il resto. Io con un sorriso vado avanti e posso garantire che le polemiche non mi toccano né mi scalfiscono".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli