Renzi: sabato banchetti col Tricolore, non è dei neofascisti

Red-Pol

Roma, 8 feb. (askanews) - "Il tricolore è di tutti ma non dei potenziali killer neofascisti. Sabato saremo nelle piazze con i nostri volantini. E con il Tricolore. Senza polemiche, perché il Tricolore è di tutti. Ma senza lasciarlo a chi lo infanga, lo insulta, lo strumentalizza". Lo scrive il segretario Dem Matteo Renzi, nella sua e-news.

"Su Macerata - scrive Renzi - abbiamo detto fin dal primo giorno che la nostra posizione è quella di abbassare i toni, come ha giustamente evidenziato il sindaco della città, il nostro bravo Romano Carancini. Vedo che qualcuno continua a soffiare sul fuoco, in modo irresponsabile. Una piccola proposta, allora. Nei tavolini che faremo in questo fine settimana, consegnando il materiale dei cento passi concreti e dei candidati, chiedo a tutti i dirigenti del Pd di raccogliere l'appello del segretario di Reggio Emilia, la città del Tricolore. Mi piacerebbe che in ogni tavolino del Pd, questo fine settimana, accanto alla bandiera del PD ci fosse un Tricolore. Perché la bandiera nazionale rappresenta tutti noi e non un potenziale killer neofascista che si copre le spalle con quella bandiera. Viva l'Italia, amici. E adesso andiamo a vincere. Possiamo e dobbiamo essere i primi".