Renzi su Letta: "Meglio di Zingaretti, rivendica un profilo riformista"

·2 minuto per la lettura
Renzi
Renzi

Intervistato dal Messaggero, Matteo Renzi ha parlato del suo futuro dentro Italia Viva, esternando la sua intenzione di non lasciare il partito. A detta dell’ex premier, Italia Viva può avere un ruolo significativo anche nella prossima legislatura. Riguardo ai rapporti tra Enrico Letta e il PD, il leader di Italia Viva ha detto: “Non so se più facili, sicuramente più semplici. Zingaretti aveva consegnato a Conte la leadership del centrosinistra. Letta invece rivendica un profilo riformista” e poi ancora: “Meglio Enrico, su questo. Vediamo però se dalle parole si passerà ai fatti e il primo banco di prova, ovviamente, sono le amministrative a cominciare dalla Capitale”.

Matteo Renzi rimane a Italia Viva

Matteo Renzi ha esternato la sua intenzione di rimanere a Italia Viva, affermando: “Siamo stati decisivi in tutti i passaggi di questa legislatura, soprattutto dopo la crisi aperta da Salvini e dopo quella aperta da Conte. Dicono che abbiamo il 2%, ma non si rendono conto che l’importante non sono i sondaggi ma la capacità di fare politica. E anche chi mi odia deve riconoscere che noi l’abbiamo fatta”.

I commenti su “Enrico stai sereno”

Matteo Renzi ha proseguito: “Abbiamo due anni davanti per crescere, avvicinare i più giovani, alimentare un dibattito sulle idee. Se faremo questo, saremo decisivi anche nel 2023 per la prossima legislatura”. Riguardo al celebre “Enrico stai sereno”, l’ex premier ha spiegato: “Le parole volano, i fatti restano. Il cambio di governo fu una decisione pressoché unanime della coalizione per dare una scossa all’azione dell’esecutivo. Io non sono pentito di ciò che abbiamo fatto negli anni di governo, anzi. Agli altri lascio gli slogan io mi tengo le statistiche di Pil, occupati, tasse”.