I report dicono che potrebbe essere il K-266 di classe Oscar II “Orel” dislocato in Mediterraneo

Un battello russo K-266 classe Oscar
Un battello russo K-266 classe Oscar

In questi giorni negli ambienti militari e dello spionaggio attivo occidentale tiene banco il mistero del sottomarino nucleare russo nelle acque della Sicilia: i report dicono che potrebbe essere il K-266 di classe Oscar II “Orel” dislocato in Mediterraneo ma chi cita quei report non ha ammesso che si tratti di fonte primaria, quindi l’informazione resta a livello di congettura. Tuttavia la presenza del battello e della sua caratteristica “vela” bassa e tronca nelle acque intorno alla Sicilia sarebbe stata segnalata più volte.

Un sottomarino russo nelle acque della Sicilia?

Quel che è certo è che gli aerei americani decollati dalla base di Sigonella hanno cercato di tampinare il sottomarino per ore. La notizia è  stata lanciata da “NavalNews” ma non confermata da fonti ufficiali, ed è notizia che, come rileva giustamente Leggo, “sta agitando i vertici Nato”. Nella giornata del 2 settembre due aerei di pattugliamento della Us Navy hanno sorvolato un piccolo tratto di mare descrivendo i caratteristici “otto” nel cielo che indicano il “searching” con radar attivo.

Silenzioso e affrancato dall’emersione

Il problema è che trattandosi di un battello nucleare il (presunto) K-266 è molto poco rumoroso e non ha bisogno di fare snorkeling. Le rotte sono state tracciate dai radar e l’azione di monitoraggio dei Boeing P8 è andata avanti per ore ma senza alcuna conferma ufficiale di un “bingo”. I battelli russi sono per lo più autonomi e non seguono, come per gli Usa, le grandi navi da battaglia in superficie.