Report ISS, indice di contagio e incidenza in aumento

·1 minuto per la lettura
Monitoraggio ISS 16 luglio
Monitoraggio ISS 16 luglio

Stando alla bozza del monitoraggio dell’ISS di venerdì 16 luglio l’indice di contagio a livello nazionale è salito a 0.91 (settimana scorsa era pari a 0.66 e quella ancora precedente a 0.63). In aumento anche l’incidenza settimanale dei casi ogni 100 mila abitanti, che da 11 è passata a 19. Nel documento si legge che il quadro generale della trasmissione del Covid è tornato a peggiorare, con 19 regioni classificate a rischio epidemico moderato (tutte tranne Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta considerate a basso rischio). Per il momento però l’impatto della malattia sui servizi ospedalieri comunque rimane minimo, con tassi di occupazione in area medica e terapia intensiva ancora in lieve diminuzione.

Monitoraggio ISS 16 luglio

Il dato è destinato ad aumentare e si teme possa tornare a stanziarsi sopra quota 1, la soglia ritenuta critica perché vorrebbe dire che un soggetto positivo ne contagia almeno un altro. Le previsioni sull’aumento derivano dal fatto che l’Rt p stato calcolato a circa 15 giorni fa, per ragioni tecniche, e solo sui casi sintomatici. Non ha dunque colto l’elevata risalita del numero dei contagi avvenuta negli ultimi dieci giorni, dove i bollettini quotidiani sono tornati a superare i 2 mila casi.

Monitoraggio ISS 16 luglio: possibili zone gialle da settimana prossima

Per quanto riguarda l’incidenza, attualmente in tutte le regioni è ancora sotto quota 50, cifra oltre la quale cessa di esistere la zona bianca. Non si esclude però che, con il monitoraggio della prossima settimana, tre o quattro territori possano superare quel numero e tornare in fascia. gialla. Al momento 19 regioni sono classificate a rischio moderato mentre due (Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta) a rischio basso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli